domenica 2 settembre 2012

Ed è subito sera

Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.



Tra le poesie più ricordate di Salvatore Quasimodo (1901-1968), dà il titolo all'omonimo volume poetico del 1942. Questi versi in realtà erano compresi in un'altra poesia: "Solitudini", che faceva parte di "Acque e terre" (1930), prima opera in versi del poeta siciliano. Il testo, molto breve, bene esprime il concetto di estrema solitudine che caratterizza l'intera esistenza dell'uomo sulla Terra, mentre il "raggio di sole" con cui viene trafitto è una sorta di piccola consolazione, che potrebbe essere rappresentata da brevi momenti di felicità o sentimenti similari. L'ultimo verso eloquentemente chiarisce che la fine della vita (la sera) giunge assai presto. È probabilmente la poesia oggi più conosciuta di Quasimodo, e questo si deve all'estrema essenzialità che la caratterizza: appena tre versi per esprimere un concetto esistenziale difficilmente equiparabile ad altri componimenti in versi. L'unico riferimento possibile è certamente Giuseppe Ungaretti, infatti alcuni suoi versicoli molto somigliano alla poesia di Quasimodo: liriche brevissime eppure immortali perché capaci di estrapolare un sentimento, una meditazione o una semplice sensazione che acomunano il modus pensandi della stragrande maggioranza dell'umanità.

Nessun commento:

Posta un commento