venerdì 2 novembre 2012

Poeti dimenticati: Renzo Pezzani

Renzo Pezzani nacque a Parma nel 1898 e morì a Castiglione Torinese nel 1951. Ottenuto il diploma di maestro poco più che ventenne, subito iniziò ad insegnare nelle scuole elementari; nel 1926 si trasferì a Torino dove cominciò a lavorare presso la casa editrice S. E. I. sia curando le pubblicazioni per i ragazzi, sia scrivendo opere destinate al medesimo pubblico. Negli anni '40 del XX secolo fondò le case editrici "Il Verdone" e le "Edizioni Palatine". La poesia fu sempre al centro dei suoi interessi e scrisse molte opere in versi sia in lingua madre che in dialetto parmense. Per quel che concerne la sua produzione poetica in italiano, alcuni dei suoi libri furono destinati al solo pubblico infantile; gli altri fanno emergere in modo inequivocabile il suo pascolismo, che si mostra nell'attenzione diretta alle piccole cose descritte con un linguaggio semplice e cantabile.
 

Opere poetiche in italiano

"Ombre", M. Fresching, Parma 1920.
"Artigli", ETO, Parma 1923.
"La rondine sotto l'arco", Le Muse, Torino 1928.
"L'usignuolo nel claustro", Alpes, Milano 1931.
"Angeli verdi", S. E. I., Torino 1932.
"Sole, solicello", La Scuola, Brescia 1933.
"Belverde", S. E. I., Torino 1935.
"Il sogno d'un piccolo re", S. E. I., Torino 1935.
"Cantabile", Gambino, Torino 1936.
"Il fuoco dei poveri", La Scuola, Brescia 1939.
"Boschetto", Ed. Palatine, Torino 1948.
"Innocenza", S. E. I., Torino 1950.
"Odor di cose buone", Paravia, Torino 1950.
"Poesie a due voci" (con Giuseppe Colli), Ceam, Avezzano 1951.
"Frate Luca e le noci", S. E. I., Torino 1951.
 
 
 
Presenze in antologie
"Le più belle pagine dei poeti d'oggi", 2° edizione, a cura di Olindo Giacobbe, Carabba, Lanciano 1928 (vol. 6, pp. 109-119).
"Poeti Novecento", Mondadori, Milano 1928 (pp. 169-173).
"Adunata della poesia", 2° edizione, a cura di Arnolfo Santelli, Editoriale Italiana Contemporanea, Arezzo 1929 (pp. CCCCLVI-CCCCLVIII).
"La poesia italiana di questo secolo", a cura di Pietro Mignosi, Il Ciclope, Palermo 1929 (pp. 255-257).
"La nuova poesia religiosa italiana", a cura di Gino Novelli, La Tradizione, Palermo 1931 (pp. 330-334).
"Antologia della lirica contemporanea dal Carducci al 1940", a cura di Enrico M. Fusco, SEI, Torino 1947 (pp. 247-250).
"Antologia della lirica italiana. Ottocento e Novecento", nuova edizione, a cura di Carlo Culcasi, Garzanti, Milano 1947 (p. 367).
"Un secolo di poesia", a cura di Giovanni Alfonso Pellegrinetti, Petrini, Torino 1957 (pp. 243-248).
 
 

Testi
SCUOLA DI CAMPAGNA


È fuori dal borgo due passi
di là del più fresco ruscello
recinta di muro e cancello
la piccola scuola di sassi.

Agnella staccata dal branco
col suono che al collo le han messo
richiama ogni bimbo al suo banco
nell’aula che odora di gesso.

C’è ancora la vecchia lavagna
con su l’alfabeto mal fatto:
lo scrisse un bambino distratto
dal verde di quella campagna.

E lei, che mi vide a sei anni,
c’è ancora. La voce un po’ fioca,
vestita d’identici panni,
la vecchia signora che gioca.

C’è ancora il vasetto d’argilla
che m’ebbe suo buon giardiniere;
è verde, fiorito di lilla,
e un bimbo gli porta da bere.

Il tempo passò senza lima
su queste memorie. Ritorno
lo stesso bambino d’un giorno
sereno, nell’aula di prima.

E in punta di piedi, discreto,
nell’ultimo banco mi metto
e canto, nel dolce coretto
dei bimbi, l’antico alfabeto.

(Da "Il fuoco dei poveri")



Nessun commento:

Posta un commento