mercoledì 12 aprile 2017

Il Cristo nella poesia italiana decadente e simbolista

Gesù Cristo è preso in considerazione, dai poeti simbolisti e decadenti italiani, soltanto per rimarcare determinati avvenimenti della sua vita. Per esempio più di una volta si parla della parabola del Vangelo che lo vede intervenire a favore della prostituta Maria Maddalena, con la quale, grazie a libere interpretazioni, instaura un dialogo, oppure le si rivolge per dichiarare l'amore che prova nei suoi confronti.  In altri casi i poeti si concentrano sul calvario di Gesù e sulla conseguente crocifissione, facendolo così diventare simbolo del dolore e, nel caso della poesia di Graf, della sconfitta finale del "bene". In altri casi ulteriori Gesù viene descritto quale personaggio misterioso; in cammino o nell'atto del dormire (come nella poesia di Palazzeschi), possiede alcuni elementi (l'abito bianco e splendente, la biondezza di barba e capelli ecc.) che lo rendono attraente al massimo e palesano bene l'idea di un Dio che mostra la sua superiorità, anche dal lato estetico.  A volte, infine, Gesù appare al poeta come visione onirica, nel contesto in cui diviene Messia, quasi a dimostrare un profondo desiderio di vivere i momenti salienti dell'esistenza di "Dio in terra", di essere presente nel momento più importante della storia dell'umanità (secondo ciò che dice la religione cristiana, naturalmente).



GESÙ E L'ADULTERA
di Diego Angeli

Mite splendeva l'alba tra i rami degli ulivi
e ondeggiavan nel piano celeste i fior del lino,
tra gli steli del loto mormoravano i rivi,
i canti della vita sorgevan dal mattino,
mite splendeva l'alba tra i rami degli ulivi.

Ora dall'alto colle Gesù scendea pensoso,
e guardando le case tutte sperse nel piano,
- non anco ivi era giunto il mattin radioso -
benedicea gli umani con la candida mano.
Ora dall'alto colle Gesù scendea pensoso.

Si stendea nella pace la campagna fiorita,
e una donna gli venne incontro sul cammino;
avea le nere chiome sciolte lungo la vita,
avea dentro gli sguardi un bagliore divino.
Si stendea nella pace la campagna fiorita.

In torno a lei le capre pascevano belando,
ed ella volta al biondo figlio di Galilea
disse - O Maestro, quegli che soffrì molto amando
può sperare il perdono? - e parlando piangea.
In torno a lei le capre pascevano belando.

E il Maestro distese verso di lei la mano
dicendo lentamente: - Colui che ha molto amato
molto ha sofferto e il pianto lava ogni fallo umano.
Il pianto è come un nembo sopra il terreno arato. -
E il Maestro distese verso di lei la mano.

Sorrise allor la Donna ascoltando il perdono
e raccolti fra l'erba molti fiori odorosi
al Maestro li offerse e questi accolse il dono
però che amava i buoni, gli umili, i pietosi.
Sorrise allor la Donna ascoltando il perdono.

E i fiori ebbero vita novella sullo stelo,
e vennero le agnelle a lambir la sua mano.
Il sole delle nebbie squarciando il bianco velo
irradiò l'Eletto di un raggio sovrumano.
E i fiori ebbero vita novella sullo stelo.

(Da "La Città si Vita", Premiata Tip. dell'Umbria, Spoleto 1896)




IN GALILEA
di Giovanni Alfredo Cesareo

Quando il tramonto s'effondea vermiglio
Alla spiaggia del mar di Galilea,
Il Nazareno eretto come un giglio
Fra l'ascoltante turba che sedea,

Dolcemente parlava, e sul candore
Della prolissa tunica la chioma
Feminea si spartia: da' campi in fiore
Giungeva una silvestre onda d'aroma.

Umile e augusta era la pace in torno,
E il flutto con suo lene sciabordio
Assecondava il bel sermone adorno,
Quasi raro suon d'arpe un canto pio.

— Felici i mansueti, perché vanto
Avranno di dominio su la terra.
Felici quei che vivono nel pianto,
Perchè sarà soccorso alla lor guerra.

Felici quei che han sete e quei che han fame
Di giustizia, perché prossima è l'ora
Che verran saziate le lor brame,
Spaccando a' monti la novella aurora. —

Tale ammoniva, e ne le sue pupille
Parea specchiarsi il ciel pieno di rose:
Cadean le sue parole, come stille
D'unguento, su ferite anime irose,

Su anime in lor pena umiliate,
Su accese anime pronte al sacrifizio;
E, come canne da un soffio agitate,
Mille fronti di sè davano indizio.

Or quand' egli movea, la turba giva
Appresso lui silenziosamente
Su la stridula ghiaia della riva,
E argentei sogni volgea nella mente;

Mentre un velo cinereo per l'erto
Declivio già mescea tutte le forme,
E lenta al profondissimo deserto
Salia la gloria della luna enorme.

(Da "Le consolatrici", Sandron, Milano-Palermo-Napoli 1905)




LA VISIONE
di Gabriele D'Annunzio

Quasi era a mezzo il dì. Presso e lontano
il fiume sorridea come a' belli anni.
Si placavan nel cor tutti gli affanni
per quel candore immenso cristiano.

Ed io vidi la riva del Giordano,
e splendere Gesù ne' rossi panni
qual fiamma che s'inchina, e a lui Giovanni
sparger l'onda su 'l capo sovrumano.

Ora, andando io così lungh'esso il fiume
pio (non so qual bontà muta nel sole
spirava il mondo), l'albero e l'arbusto

m'eran fratelli. E in tal beato lume
e in tal silenzio udimmo le parole:
– convien compire tutto quel che è giusto. –

(Da "Poema paradisiaco", Treves, Milano 1893)




GESÙ
di Federico De Maria

— Magdalena, non pianger: soffriamo
insieme. Questo pianto
— puro lavacro — a mòndo
il tuo peccato. Magdalena, io t'amo!

Ma non mi chieder nulla: la mia vita,
la mia carne, la mia
anima, sia
libera e integra consacrata al Mondo.

Benedetto il tuo martirio!
Benedetto il martirio mio!
L'Idea brucia ed innalza le passioni tenaci
al Cielo, in volute d'incenso.
Io sento nel cuore, da i baci
non dati che in noi muoiono, germogliare un ardor di più intenso
Amore. Noi siam lievi. Io voglio
farmi più lieve. — Lieve sino a divenir Dio!

(Da "La leggenda della vita", Edizioni di «Poesia», Milano 1909)




E CRISTO DISSE
di Ettore Fabietti

E Cristo disse: Germini la Pace
l'umile germe ch'io semino in terra:
nel mio sacco non ho miglior semente.
Gittò la mèsse, e poi volle, il verace
seminatore, perché pria nascesse,
irrorar del suo sangue anco le zolle.
Ma i guardiani del campo, a cui commesse
eran le sorti de la pia fatica,
sconvolsero la terra,
e spersi al vento i germi della Pace,
che è ben di tutti, seminaron guerra;
onde i fraterni lutti
fruttar dovizie al lor desìo rapace.

Or dei guardiani, o buon Gesù, che al vento
spersero i germi de la tua semenza,
noi siamo stanchi, e omai provar vorremmo,
Gesù mite, a far senza;
che per i lor nefasti
Tu seminasti, e noi non raccogliemmo.

(Da "Canti di Trifoglieto", Treves, Milano 1913)




VERSO LA CROCE
di Luigi Fallacara

O nostra umana, persa desianza
ardisci, ardisci, se l'Amor tanto osa;
l'Amore ha preso la nostra sembianza,
ed ogni carne è fatta onda amorosa!

O gioia che ogni gioia avida avanza,
il Dio perduto a noi tutto si sposa;
o nel Cristo avventata, alta certanza,
d'essere in Dio, con Dio, solo una cosa!

Ma più m'alzo a te, Cristo, e più dolore
trovo. Più dentro sono le tue braccia,
più veggo aprirsi la Croce gigante.

O Croce, o Croce vicina e distante!
La croce tutto l'universo abbraccia
vivo sol della tua morte, Signore!

(Da "Illuminazioni", Casa de' poeti, Varese 1925)




CRISTO
di Arturo Graf

Fuor dalle membra il caldo sangue a rivi
Ti scorrea, lacerava le divine
Tempie il tormento di pungenti spine:
Ti parea di morire e non morivi.

Con gli occhi in te confitti, genuflessa
Tua madre stava appiè dell’alta croce;
La sciagurata non avea più voce,
Né respiro, né pianto, e intorno ad essa

Tumultuava senza fin l’oscena
Turba, brïaca di delitto: obliqua
Per i colli, dal pian, chiudea l’iniqua
Città di Giuda l’esecrabil scena.

Fumava il sol caliginoso ed atro
Nel bronzeo cielo; esterrefatta e muta
Stava la terra; ed alla tua veduta
S’apria come un funereo teatro

L’età futura, e travedevi arcane
Fughe di tempi, e magistero occulto
D’indomabili posse, ed il tumulto
E la ruina delle cose umane.

E trïonfar menzogna, e infami gioghi
Vedevi al mondo impor da’ tuoi vicarii,
E nel tuo nome benedir sicarii,
E nel tuo nome dar le vampe ai roghi.

Correr l’iniquità la terra e il mare,
Ed invocare a suo presidio il cielo;
La tua croce schernita, e il tuo Vangelo
Fatto insegna e blason di lupanare.

T’ingiurïava dai cadenti clivi
Il volgo di vendetta ancor non sazio;
Ma tu l’ingiuria vil, ma tu lo strazio
Di tue misere carni non sentivi;

Ché un’angoscia più grave, un duol più rio,
Qual giammai non s’accolse in mortal petto,
Ti strinse il cor, t’avvinse l’intelletto,
Ed esclamasti: O padre, o padre mio,

Per tal d’abietti e di codardi schiavi
Nefando gregge ho il sangue mio versato?
Questo scempio cui giova? e reclinato
Sul petto il capo l’anima esalavi.

(Da "Medusa", Loescher, Torino-Roma 1880)




LA LIETA NOVELLA
di Virgilio La Scola

Benedicendo, Egli passò fra ignote
Plebi, e smarriva dentro l'orizzonte
Le sue pupille cerule ed immote:...
Un bianco lume gli battea la fronte,
Di penitenza gli lucean le gote.

Urgea su' colli un palpito lontano,
Ogni fiore balzava di desio:...
Egli ammoniva dolci cose, piano,
Piano imponea, come un divino oblio,
Su le femminee chiome la sua mano.

Ne la malinconia de l'ore meste,
Illuminava di sorriso il pianto,...
Fulgea più nivea la sua bianca veste,
Fluia più blando il suo soave incanto:
Ne la malinconia de l'ore meste...

Il pio sermone, lungo la sua via,
Leniva i mansueti, v'indulgea,...
Suscitava un'occulta melodia,
Ne l'umile suo fiato si traea
Immense turbe lungo la sua via...

E ripeteva a' genuflessi, a' proni:
"Poca semente darà un gran raccolto:...
In opre buone e con pensieri buoni
Usate il poco e giunga a' privi il molto:
Sollecitate de la terra i doni:...

E sia giustizia in ogni labbro, o figli,
Chi la difende ei ne sarà difeso:...
È palpito che doma i rei consigli,
È balsamo che modera ogni offeso:...
Suoni letizia da ogni labbro, o figli:

E sien pacati i vostri passi, come
Lo scorrere silente del Giordano..."
Egli dicea, e a le femminee chiome
Le parabole sue scendeano piano,
Piano gli olivi n'effondeano il Nome...

Recava a l'alba un sogno dolce e stanco
Ne le pupille, ed esalava, a sera,
Ebro di pianto, dal suo volto bianco,
Tutta la santità della preghiera:...
ecava a l'alba un sogno dolce e stanco.

(Da "La placida fonte", Zanichelli, Bologna 1907)




IL SERMONE
di Achille Leto

Saliva il Rabbi per le vie deserte
della montagna che fiorìa di grano:
sostò tra l'erba e, con le braccia aperte,
Egli versò tutto il suo cuore, piano.

Cadevan su le turbe umili e buone
le soavi parole; e, nel profondo
silenzio che seguì, parve il Sermone
illuminare - come un'alba - il mondo.

(Da "Le metope", Spinnato, Palermo 1907)




IL SANGUE CREBBE...
di Marino Marin

Il sangue crebbe ne la selva acerba
de le umane passioni il salutare
frutto d'amor che, lento a maturare,
a gli avvenir tutto il suo dolce serba:

frutto spiritual cui la mala erba
de l'odio anche non valse ad aduggiare:
tal che chi appressa il labbro ad assaggiare
nel verbo di Gesù Cristo s'inverba.

Poi che fu con la luce de la grande
anima sua che germogliar fe' il seme
che inaffiò poi con lagrime e con morte;

fu il corpo suo che in mistiche vivande
diede a le turbe; furon fede e speme
che al triste passo il fer sicuro e forte.

(Da "Sonetti secolari", Galli di Chiesa e Guindani, Milano 1896)




DA "I PRATI DI GESÙ"
di Aldo Palazzeschi

È una perpetua continua processione
di centomila persone
ogni giorno, che a quel prato
s'aggiran torno torno
per ore e ore.
Centomila persone
che s'intrecciano, s'incontrano,
si guardano, s'inchinano,
senza far romore.
Il più assoluto silenzio
deve regnarvi attorno, giro giro,
si deve potere udire un respiro.
Nel mezzo del prato
c'è un uomo addormentato,
c'è sempre stato.
La gente è sempre stata
nella più grande ammirazione,
giro giro, tondo tondo,
da che mondo è mondo.
Tutti ammirano perplessi
quell'eterno placido sonno,
tutti colla massima devozione,
ogni giorno centomila persone.
L'uomo è là, nel mezzo al prato,
steso in terra addormentato,
sempre giovine uguale, sempre biondo,
sempre colla sua veste
bianca di candore.
Dorme colla più gran tranquillità
il più bel sonno del mondo, 
forse per l'eternità.
La gente giro giro
sta fissa ad ammirare
l'alzarsi e l'abbassarsi di quel petto,
sta in orecchi per udire
il placido respiro.

(Da "Poemi", Stab. Tip. Aldino, Firenze 1909)




SCONFORTO
di Giovanni Pascoli

Gesù: — Per le città, per le castella
andava lungo il limpido Giordano,
predicando la sua buona novella.

E cui sul capo Egli imponea la mano,
e cui diceva la sua parola vera,
cieco, ossesso, lebbroso, ecco era sano.

Ed il dolore al suo passar non era
più. Ma gran pianto era al suo lento arrivo!
Moveva a l'alba e si fermava a sera.

A sera stanco il figlio del Dio vivo,
come lavoratore, era, ma pago;
e s'assideva al tronco d'un olivo,

guardando al cielo. E subito il suo vago
occhio abbassava, ch'e' s'udiva intorno
come l'immenso mormorio d'un lago.

Ecco, e vedeva, al fine del suo giorno,
turbe infinite sotto il ciel vermiglio,
ch'attendean sua venuta o suo ritorno.

E giacevan nei solchi, sopra il ciglio
dei fossi, per le vie, pecore sparse
senza pastore. E tu gemevi, o figlio

di Dio: TROPPA È LA MESSE E L'OPRE SCARSE!

(Da "Poesie varie", Zanichelli, Bologna 1912)




CRISTO
di Federigo Tozzi

Con una veste rosa per dileggio
ti portano nel mezzo di una piazza.
E piove. Un uomo del bestial corteggio
batte su la tua carne pavonazza.

Ma, come se volesse farti peggio,
la turba ridacchiando ti sollazza
se alcuno dice: O Cristo, ti schiaffeggio!
E il tuo sangue lo bagna come guazza.

Anche tieni una canna con le mani,
non pensando ai fuggiti tuoi seguaci
e alla pioggia che t'entra nei capelli.

Oh, come ti si schiudono i lontani
cieli della bontà, mentre tu taci;
e quanto ti confortano più belli!

(Da "La zampogna verde", Puccini, Ancona 1911)




LA FIAMMA DE LE PALME
di Domenico Tumiati

L'opaco argento de li olivi pare
un antico turibolo d'altar:
io vo pel verde colle a salutare
Gesù, che biondo su le turbe appar.

Li anni miei, come quelli di Giovanni,
spuntano, verdi steli, ne la via:
come i tralci de l'uva, i miei verdi anni
aspettano l'avvento del Messia.

Fra i grigi olivi de la pia collina
io salgo. M'odi, William Hunt, fratello?
tu così andavi per la Palestina,
così santificando il tuo pennello.

(Da "Musica antica per chitarra", Landi, Firenze 1897)




GESÙ, SOLE CHE ILLUMINI
di Remigio Zena

Gesù, sole che illumini
Dell'universo i cardini,
Gesù, trono degli umili,
Gesù, palma dei martiri,

Corona delle vergini,
Stola dei catecumeni,
Imperator sui numeri
Degli stellati eserciti,

Per le lunghe vigilie
Del mio terrestre carcere,
Per le stille vermiglie
Che non cessai di spargere

Sotto la Croce, esanime
Prostesa nella cenere,
Non mai sazia di chiedere
Le penitenti lagrime,

Pei cilizi e gli aculei
Che il fianco mi trafissero,
E pei dardi fulgurei
Che nel tuo amor mi uccisero,

Gesù mio Re, mio Unico,
Le preci mie ti muovano.
Fra i santi che ti adorano,
Beata anch'io, ti supplico. 

(Da "Le pellegrine", Treves, Milano 1894)

Nessun commento:

Posta un commento